Sabato 21 aprile h21| SenzArteneParte2011 in IL POVERO PIERO

Sabato 21 aprile alle h 21 la compagnia amatoriale di teatro SenzArteneParte2011 presenta “Il Povero Piero” di Achille Campanile, regia di Armando Calderoni.

La storia si svolge nell’appartamento di Piero e Teresa D’Avenza alla fine degli anni ’50. Le vicende dei personaggi si districano intorno alla morte del “povero Piero”, dando vita ad una serie di equivoci.
Le ultime volontà del povero Piero sono quelle di dare notizie della sua
Morte solo dopo i funerali, ma la notizia trapela e i familiari sono costretti ad affrontare le visite degli amici che apparentemente addolorati, mostrano le loro ipocrisie di fronte alla scomparsa del povero Piero”.
Nasce così un racconto fatto di fraintendimenti e sotterfugi,
nel tentativo da parte della famiglia di nascondere il cadavere nei posti più impensati della casa, creando situazioni ridicole e grottesche, tra l’alternarsi di pianti e risate.

FILIPPO Maurizio Basilici
OPERAIO Maurizio Basilici
CHIERICHETTO Maurizio Basilici
PIERO Mimmo Buglia
TERESA Antonella Capitani
MARCO PAELEZM Mimmo Caraccia
LUCILLA PAELEZ Anna Panicara
ANGELICA Roberta Carollo
LUIGI Fabio Grasso
MARCANTONIO Francesco Lavorgna
PAOLO DEMAGISTI Luca Panzarasa
LOLA Acquaria Paoloni
AVVOCATO Paolo Pioppini

TECNICI
AIUTOREGIA Rosario Improta
TECNICO DI REGIA Nicolò Panzarasa
COSTUMI Anna Panicara
MUSICHE ORIGINALI Paolo Del Grande
TRUCCO Valeria Berardi
GRAFICA Paolo Del Grande
SCENOGRAFIA Paolo Pioppini
ATTREZZI DI SCENA Francesco Lavorgna
DIRETTORE DI SCENA Fabiola Silvetti

Ingresso a sottoscrizione (consigliato 8€ intero e 5€ ridotto)

Info: teatro.lido.ostia@gmail.com

Serata speciale raccolta fondi spese legali RASTABLANCO (Radici nel Cemento)+VAGINA ON THE ROCKS

Sabato 14 aprile a partire dalle ore 21, prima serata speciale dedicata esclusivamente alla raccolta fondi per le spesi legali a sostegno del Comitato Cittadino per il Teatro del Lido.

In uno spazio scenico rivoluzionato, dove il palcoscenico non sarà più tale e dove la platea si convertirà in palcoscenico, VAGINA ON THE ROCKS, con CATIA CASTAGNA (voce), SIMONE PERRA  (chitarra) e CRISTIANO PETRETTO(regia): il rapporto che le donne hanno col corpo: dal modello mediatico che si nutre delle nevrosi femminili, a quello reale che ci guarda allo specchio, ovviamente e assolutamente imperfetto. Torna un elaborato di estratti dal celebre corpus de “I monologhi della vagina”, qui alla luce dell’attuale, deviato e deviante rapporto della donna con il proprio corpo, fra modelli mediatici e nevrosi reali. Una carrellata di testimonianze dirette e senza peli sulla lingua, in questo che è in assoluto il cult dei cult al femminile.

A seguire RASTABLANCO (Radici nel Cemento) LIVE DJ-SET!

RASTABLANCO ( nella vita Giorgio Spriano ) nasce artisticamente nei primi anni ‘ 90 come chitarra basso degli ALTERAZIONE , resident band punk–new wave del Centro Sociale Spaziokamino di Ostia.
La sua carriere è legata a doppia mandata ai RADICI NEL CEMENTO, storica reggae-ska band romana, della quale è co-fondatore nel 1994 e in cui ha modo di realizzarsi prima come chitarrista corista, poi come
autore e compositore, infine come voce solista. Con RADICI NEL CEMENTO partecipa alla produzione di 6 album e 5 videoclip, timbra oltre 500 concerti in Italia e all’ estero, mette la firma su alcuni pezzi – bandiera della band ( tra gli altri SOGNANDO JAMAICA ) e condivide il palco con alcune vere e proprie leggende della musica jamaicana, come MAX ROMEO, LAUREL AITKEN, CHARLIE ANDERSON ( The Selecter ) e GENERAL LEVY. Da segnalare anche l’ isolato ma intenso incontro con il grande TONINO CAROTONE. Come chitarrista e corista collabora con RADIO MAROON ( big reggae band romana composta da musicisti di varia provenienza )
accompagnando dal vivo NEVILLE STAPLE ( The Specials ) E DENNIS ALCAPONE. Come cantante, negli ultimi tempi si avvicina al mondo della Dance Hall proponendo le hit storiche delle RADICI sulle “ version “ piu’ conosciute, collaborando con alcuni tra i sound storici di Roma e dintorni ( BARACCA, SOUL ROOTS, CENTRALE, KAWA, MELODY ) ed è spesso ospite di ITAL NOIZ, progetto power dub nato da una costola
delle RADICI. Difficile , ma non impossibile, vederlo duettare Antonio e Salvatore de ISEIOTTAVI ( notissima cover band di Rino Gaetano ) in giro per i locali della capitale. E’ ideatore e promotore, insieme a Stefano Capasso, del progetto S.P.Q.REGGAE , un viaggio nella musica popolare romanesca in chiave reggae-rocksteady-ska.
New Entry : è bassista – corista della rinata TRIBU’ ACUSTICA, elegante rivisitazione in chiave etno –acustica dei vari stili musical jamaicani (reaggae, ska..ma anche mento, calipso, rock steady, dub..)

Ingresso a sottoscrizione (intero 10€ ridotto5€)

Info: teatro.lido.ostia@gmail.com

NON SI EFFETTUANO PRENOTAZIONI MA … A LI MEJO POSTIIII!!!!

VENERDì 30 MARZO h21|ABBASSO DANIELE PARISI di e con Daniele Parisi

VENERDì 30 MARZO h21,00
Per chi non lo ha visto.
Per chi ha voglia di rivederlo.

ABBASSO DANIELE PARISI
di e con Daniele Parisi

Spettacolo che tende al recupero della tradizione italiana dell’avanspettacolo, solo che invece di avere l’orchestra, i comici e le ballerine, c’è un attore solo (Daniele Parisi, appunto), una chitarra e un microfono. Tutti i personaggi, le canzoni e i monologhi sono stati scritti e messi in prova esattamente in Viale di Marino 81 a Ciampino (di fianco all’aeroporto). I costumi sono pochi. Ce n’è uno vero e proprio (quello per l’Ottavo Re di Roma) che ha realizzato Laura Rhi Sausi.

Info e prenotazioni: 348.031.20.20

teatro.lido.ostia@gmail.com

31 marzo e 1°aprile|Workshop di Contact Improvisation + OPEN JAM

 Arriva la primavera e a noi viene voglia di danzare al mare !
finiti il freddo e la pioggia, il week-end del 31 marzo e 1 aprile vi proponiamo una bella esperienza di danza aperta a tutti: teatranti, giocolieri, ballerini o semplici appassionati e curiosi.

La Contact Improvisation è una è una tecnica di movimento nata nei primi anni 70, come ricerca di nuove possibilità di movimento attraverso il contatto fisico e sensoriale. La Contact Improvisation si fonda sulla fiducia reciproca e la fluidità, ed impiega la forza di gravità e il pavimento come due partners: muoversi mantenendo il contatto con l’altro, cercando di risolvere ogni azione in passaggi semplici e continui.

Lo scopo del week-end workshop è trasmettere ai partecipanti alcuni rudimenti di base della Contact Improvisation e le prime esperienze di movimento.

Domenica, al termine del workshop, daremo vita ad una open jam, ovvero uno spazio di danza libera aperto non solo ai partecipanti delle lezioni ma anche a coloro che, non proprio a digiuno di Contact Improvisation, vorranno partecipare.

Le lezioni saranno tenute da Barbara Lucarini. Danzatrice, psicologa e danza terapeuta, Barbara si è formata negli Stati Uniti dove ha conseguito una borsa di studio quadriennale presso il Dance Space Studio di New York. In seguito ha studiato con maestri quali Adriana Borriello, Rui Orta, Fray Faust, Susan Klein, Kirstie Simson, Julyen Hamilton e Nancy Stark Smith. Ha collaborato come danzatrice con diverse compagnie di danza contemporanea come Linda Diamone Modern Dance Company, Sansa Nemo collective Dance company e S: P. A. Compagnia di Danza Contemporanea, partecipando a molte rassegne sia in Italia che all’estero.

Il programma:

· Sabato 31 marzo 11- 14 lezione 

· Domenica 1 aprile 14 – 17 lezione; 17 – 20 open jam 

· Sede: Teatro del Lido, Via delle Sirene, 22 00121 Ostia – Roma

A chi non avesse alcuna esperienza di CI si sconsiglia di partecipare ad una sola delle due giornate di lezione.

Sottoscrizioni:

Workshop completo: 40 euro, compresa la jam di domenica
Lezione domenica o sabato: 25 euro
Open jam di domenica: 5 euro

Helper: uno tra i partecipanti potrà prendere parte alle lezioni gratuitamente, fornendo il proprio supporto per la preparazione e la pulizia dello spazio il venerdì pomeriggio / sera prima del workshop.

Per prenotazione e informazioni entro giovedì 29 marzo rivolgetevi a 
Fabio Saetta, cell. 3771616571
email: saettaf1@posteitaliane.it

Vi aspettiamo !

Sabato 31 marzo h21|DIFFERENZE Compagnia Incontempo|teatro-danza

Sabato 31 marzo h21

DIFFERENZE

Compagnia Incontempo

genere: teatro-danza

Tre donne – a volte sole, a volte accompagnate – presentano se stesse per quello che sono attraversando cinque quadri, ciascuno dei quali riguarda un aspetto della vita e il suo contrario: sonno-veglia, attaccato-staccato, bello-brutto, concreto-astratto, ordine-disordine.
Lo spettatore potrà immedesimarsi, lasciarsi trasportare e coinvolgere da emozioni e sensazioni suscitate dall’ interazione tra movimento, parola e musica dal vivo.

COMPAGNIA INCONTEMPO

Coreografia e regia: Rozenn Corbel
Interpreti: Francesca Aloisio, Luna Marongiu, Marta Puccini
Musiche originali: Aberto Di Giacomo
Arrangiamenti: Alessandro Floridia
Musicisti: Alberto Clemente ( chitarra), Alberto Di Giacomo ( percussioni)
Disegno luci: Stelvio Fittipaldi / Rozenn Corbel
Tecnico luci: Stelvio Fittipaldi
Costumi e attrezzeria: Giovanna Lombardo
Realizzazioni grafiche: CGW Italia by MAPI- www.cgwitalia.it

Domenica 25 Marzo h18|Compagnia “Estrofficina” presenta DUE ALI, UNA FARFALLA

Domenica 25 Marzo h. 18

Compagnia “Estrofficina” presenta

DUE ALI, UNA FARFALLA

Teatro concerto in atto unico

Una commedia che con leggerezza invita lo spettatore a riflettere sui rapporti e sul coraggio delle scelte di vita, sulla capacità di prendere per mano la propria esistenza e deciderne le sorti.

Regia di Jonis Bascir

 

Sabato 24 Marzo h. 21|Teatro Impiria presenta IL CIELO LA’ SU’

Sabato 24 Marzo h. 21

Teatro Impiria presenta

Il cielo la’ su’

un gioco di doppi, tragico e comico, che punta dritto al cuore

due atti di Massimo Totola liberamente ispirato a “Emigranti” di Slawomir Mrozek. Con Massimo Totola e Guido Ruzzenenti

Regia di Massimo Totola

Tecnico Luci: Andrea Castelletti – Tecnico Audio: Maria Gaiardoni

LA VICENDA

La storia è quella di due uomini, un intellettuale ed un muratore, sprofondati in una sorta di abisso senza ritorno. Nel seminterrato di un condominio straniero i due, mentalmente e socialmente uno l’opposto dell’altro, si ritrovano a passare l’ultima notte dell’anno, insieme, tra gli schiamazzi e i festeggiamenti dei condomini. Posti a confronto, i due si raccontano, si scontrano. Dagli estremi si propagano scintille e lo spettacolo somiglia ad un’arena, in un gioco di doppi che è tragico, talora con passaggi di comico e grottesco. Uno spettacolo interessante per le tante e continue inferenze che attraversano il campo della storia, della politica, dell’esistenziale, dell’umano e portano dritto fino al cuore dell’individuo
Uno spettacolo carico ed acuto, abilmente interpretato da due dei migliori attori della scena locale e nazionale.

NOTE DI REGIA
Lo splendido testo del polacco Slawomir Mrozek è la storia di due uomini che svelano sulla scena se stessi e il loro dramma esistenziale; una pièce in qualche modo crudele, amara, che raccontata in modo lucido, penetrante, costantemente difeso dall’opacizzante sentore del pietismo grazie a un forte uso di ironia e umorismo, le problematiche attualissime, pur essendo datata 1974, di chi è costretto a vivere lontano dalla propria terra, in condizioni di miseria ed emarginazione. Lo stesso autore, critico teatrale, regista e drammaturgo, di origine polacca, ha sperimentato egli stesso la condizione di esule e in questa sua opera ritrae questa “non esistenza”. Problemi di integrazione, di identità, causati dal trovarsi separati da familiari e amici, sradicati da ogni tradizione e proiettati in un mondo che si muove e si agita seguendo modelli comportamentali completamente diversi dai propri. Un intellettuale esule per motivi politici (Massimo Totola) e un operaio emigrato per sfuggire alla miseria (Guido Ruzzenenti), parlano della propria meschina condizione, gridano il proprio rammarico, accarezzano sfuggevoli speranze, bevono fino ad ubriacarsi, si odiano e si vogliono bene … accompagnati dalla voce profonda e malinconica di Tom Waits.

Ingresso a sottoscrizione (consigliato 8€ intero 5€ ridotto)


 

Sabato 17 Marzo H21| Improteatro e Verbavolant IMPRòSHOW

Sabato 17 Marzo ore 21
Improteatro e Verbavolant presentano
Impròshow
Quattro attori professionisti vi regaleranno emozioni improvvisando tutto ciò che il pubblico gli proporrà. Infatti , fulcro della serata, sarà proprio il pubblico che con i suoi suggerimenti alimenterà il fuoco della fantasia.
I nostri improvvisatori saranno così malleabili da rendere qualsiasi suggerimento una storia fantastica.
Infinite le combinazioni: si può prendere spunto dall’attualità, dalla televisione, dal teatro, si può chiedere ai gioc-Attori di improvvisare in rima, senza l’uso delle parole, alla maniera di Shakespeare, Pirandello, De Filippo, oppure Tarantino, Sergio Leone, Tinto Brass e altri ancora.
Sottoscrizione 8€ intero e 5€ ridotto

Venerdì 16 marzo h21|RESTIAMO UMANI| Ultimo Teatro

RESTIAMO UMANI
(Teatro di Narrazione Civile)
di UltimoTeatro

Con i sostegno di Spazio Liberato Ex Breda Est ed il Comitato Palestina Pistoiese

Regia di Luca Privitera
Interpretato e Musicato da Luca Privitera ed Elena Ferretti 

La maggior parte dei testi sono stati presi e drammatizzati dai racconti di Vittorio Arrigoni – attivista per i diritti umani, impegnato come volontario in Palestina, dove ha vissuto fino al suo barbaro assassinio.

Il suo è più il punto di vista di una vittima, che di un cronista.

“Basterebbe ascoltare le varie testimonianze di Vittorio, del Poeta Darwish (Combattente per la Libertà del Popolo Palestinese), degli Ebrei anti-sionisti e dei vari Palestinesi incontrati nel nostro cammino per rimanere colpiti da questa tragedia.
Ed è proprio per questo che abbiamo deciso di realizzare e portare in giro uno spettacolo dove si parlasse dei fatti, denunciandone le colpe per la mancata risoluzione e gli interessi politico/economici nascosti, chiarendo i fatti rispetto alle informazioni ufficiali.
Per noi questa resta un’atrocità senza senso. Dove le urla ed il dolore dell’umanità chiedono una reazione immediata che non può lasciare indifferenti.
Ogni parola è scandita, ritmata, accentata per rendere viva l’immagine degli uomini, delle donne, dei bambini e della paura che resta imprigionata nei loro occhi.
Nonostante la tematica e quello che viene detto sia lacerante, la fruizione è alla portata anche di uditori adolescenti.
Tutto questo nella speranza che la conoscenza e la diffusione possa far cessare il conflitto e permettere un domani un mondo dove poter Restare Umani” (Ultimo Teatro)
http://act-theatret.blogspot.com/2011/10/teatro-e-resistenza.html

Sottoscrizione consigliata 8€ intero 5 € ridotto

Info: www.associazionetdl.it
teatro.lido.ostia@gmail.com