Immagine 183

Criteri d’indirizzo

Consorzio di Associazioni 

  •  Criteri di indirizzo

 Premesso che :

– La necessità di un teatro pubblico è una delle esigenze primarie di una periferia,

– Il coinvolgimento diretto del mondo associativo locale ha garantito un senso di appartenenza tramite la partecipazione attiva di settori tradizionalmente estranei all’istituzione teatrale ed invece inseriti nelle attività del teatro (artisti, associazioni culturali, operatori scolastici, del terzo settore, mediatori interculturali, formatori giovanili ecc.);

di seguito un indice delle linee teoriche e strutturali del teatro pubblico partecipato:

Un teatro pubblico è necessariamente un teatro territoriale e partecipato, aperto alle istanze sociali e a quelle del mondo della scuola: luogo di elaborazione, espressione ed incontro (artistico e sociale) delle realtà del territorio.

La progettualità del teatro di periferia fa proprie le ricerche linguistiche, filosofiche, antropologiche, teatrali prodotte negli ultimi decenni per essere un laboratorio sulla cultura contemporanea, che rimescoli le molteplici appartenenze ed identità del panorama nazionale ed europeo.
Il diritto alla cultura è un diritto di terza generazione e traduce attraverso la partecipazione attiva alla cultura, intesa come dimensione simbolica in cui articolare relazioni sociali essenziali per innalzare la qualità di vita di una comunità.

Le discipline artistiche, ricontestualizzate come fatto e pratica sociale, possono riacquisire quella funzione collettiva e pubblica, fonte di arricchimento civile e segno evoluto di partecipazione democratica. La cultura rappresenta un volano per l’economia locale e nazionale e uno strumento indispensabile per la crescita della società civile.
Un teatro pubblico è un teatro che può e deve investire nel futuro, partendo dalle radici, dalle giovani generazioni, riservando loro una particolare attenzione, in un’ ottica non solo di creazione  di pubblico futuro ma soprattutto di formazione umana.

Al progetto di Teatro pubblico e partecipato contribuiscono artisti, gruppi giovanili, associazioni, operatori culturali che si confronteranno su un programma che sia la sintesi delle aspettative e delle esigenze culturali del territorio di riferimento al posto della tradizionale figura del direttore artistico.

Un teatro territoriale deve contenere processi e riflessioni del mondo del teatro, ma soprattutto, essere luogo di attraversamento e aggregazione, spazio del gioco, della conoscenza e della formazione permanente, accessibile alle fasce sociali meno agiate e al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza. Tra le finalità del teatro partecipato vi è infatti il desiderio di promuovere una migliore e più efficace interazione tra il sistema delle politiche sociali ed il sistema delle politiche culturali, favorendo sinergie virtuose ed una più generale permeabilità, partendo dal modello dei tavoli di co-progettazione e co-programmazione dato dalla Legge 328.

Finalità ulteriore è quella di legare in modo più significativo il quadro delle politiche sociali con quello delle politiche culturali, che troppo spesso procedono secondo logiche separate e inspiegabilmente impermeabili.

Attraverso il meccanismo partecipativo, il Teatro potrà essere il volano per un più generale piano regolatore della cultura, strumento per pensare e progettare le politiche culturali in forma realmente condivisa e partecipata con quegli attori culturali e sociali che sul territorio quotidianamente operano.

Il diritto di cittadinanza è un concetto che si afferma anche e soprattutto attraverso la partecipazione attiva alla cultura, intesa come dimensione socio-ambientale in cui esprimere relazioni umane, creative e aperte al confronto critico. L’arte può, se concepita come disciplina sociale, riacquisire quegli strumenti, metodi, impostazioni da cui ha tratto origine: l’essere dunque un fatto collettivo e integrante per chi la sperimenta.

Il Consorzio di associazioni si propone quale strumento di dialogo civile che, partendo dallo specifico artistico – culturale, arriva a comprendere anche le sue molte implicazioni pedagogiche e formative, utili a favorire l’incontro dei giovani con qualificate realtà professionali attive nel settore. L’ attività del Consorzio si inserisce in una prospettiva culturale di ampio respiro che coinvolge molte sfere del sociale e incide sulle prospettive di autorealizzazione dei cittadini, soprattutto quelli più giovani, con un’ azione culturale radicata e articolata che attiva e rende partecipi le grandi risorse interne dell’associazione stessa, insieme a quelle del territorio. Gli artisti e gli operatori del Consorzio, quali ambasciatori di cultura, programmano e coordinano un esteso lavoro in “rete” con la scuola, il mondo associativo e le diverse realtà culturali; attivano e valorizzano le risorse artistiche più vive e propositive, rispondendo concretamente alla sempre più pressante richiesta di cultura della comunità, già da tempo sensibile alla necessità di un polo culturale attivo e radicato.

Le associazioni del territorio sono chiamate ad aggregarsi per partecipare ad una progettazione artistica e culturale del teatro attraverso un meccanismo basato su un confronto aperto e costruttivo. Il ruolo del Municipio o Comune di riferimento è di garanzia di un processo attivo di partecipazione basato sul metodo del confronto e della condivisione.

La valenza culturale del Consorzio risiede in un’azione a largo raggio che parte dal proprio territorio come presupposto per creare ponti con territori diversi da sé, propone spettacoli nazionali e internazionali, ospita personalità della cultura con cui dialogare, coinvolge Istituti e Università in collaborazioni tra Regioni, Italia, Europa e resto del mondo, pur partendo dalla propria identità, dal proprio luogo, dalla  propria storia e sempre mirando ad un risveglio sociale e culturale autenticamente necessario

Un pensiero su “Criteri d’indirizzo”

  1. Ho seguito il Teatro del Lido apprezzandone la qualità degli spettacoli.Se torna con lo stile che conosciamo sono disposto a diventarne Socio.Sono un prof: in pensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *